Caseabc.it

Incentivi

Bonus mobili per giovani coppie: la novità del 2016

Bonus mobili giovani coppieLa Legge di Stabilità 2016, oltre a confermare il Bonus mobili e grandi elettrodomestici, introduce al comma 75 il nuovo Bonus mobili per giovani coppie.
Vediamo le sue caratteristiche.

In cosa consiste?

È una detrazione sull’imponibile Irpef pari al 50% della spesa sostenuta per l’acquisto di mobili destinati ad arredare l’abitazione principale di una giovane coppia. I beni devono essere acquistati tra il 1° gennaio 2016 e il 31 dicembre 2016.
La spesa massima che si può portare in detrazione è di € 16.000, IVA compresa. Questa spesa sarà rimborsata in 10 quote annuali di importo uguale.

Chi può richiedere questo Bonus mobili?

Il bonus è destinato alle giovani coppie sia di coniugi sia di conviventi more uxorio che abbiano costituito nucleo familiare da almeno tre anni. In queste almeno uno dei due partner deve essere un under 35 anni.
La coppia deve acquistare una prima casa.

Cosa puoi acquistare?

Il bonus agevola l’acquisto solo di mobili nuovi destinati ad arredare la prima casa acquistata dalla giovane coppia. Sono esclusi gli elettrodomestici, tende, tendaggi, mobili usati e di antiquariato.

Ecco un esempio dei mobili agevolabili:

  • cucine, tavoli, sedie, credenze, apparecchi di illuminazione
  • letti, materassi, armadi, comodini
  • divani, poltrone
  • librerie, scrivanie, cassettiere
  • mobili per il bagno, mobili nuovi realizzati su misura

Rientrano nel bonus anche le spese di trasporto e di montaggio.

Procedure da seguire

Pagamenti

Puoi pagare il bene e le spese di trasporto/montaggio con:

  • bonifico bancario o postale
  • carta di credito o di debito (bancomat).

Non puoi invece usare assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento.

Se paghi col bonifico questo deve essere “parlante“. Ricordarti di indicare:

  • la causale di versamento con riferimento alla normativa e alla fattura
  • il codice fiscale del beneficiario della detrazione
  • la partita IVA o il codice fiscale del beneficiario del bonifico.

La fattura deve essere intestata al soggetto che usufruisce della detrazione fiscale.

Documentazione

Ricordati di conservare:

  • ricevuta del bonifico o ricevuta di avvenuta transazione
  • documentazione di addebito sul conto corrente
  • fatture di acquisto dei beni, con indicata la natura, la qualità e la quantità dei beni/servizi.

Dovrai poi indicare nella dichiarazione dei redditi le spese sostenute per l’acquisto di mobili.

 

Tagged , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × cinque =